Europe Travels

Istanbul con Turkish Airlines: magia tra Oriente ed Occidente

Tags:   

Istanbul: vivendo la magia tra Oriente ed Occidente

Istanbul la mia prima volta:

Inizio dalla fine, dalla fine di un viaggio che è solo l’inizio.
L’inizio del mio di viaggio, il percorso che tutti chiamano vita.

Quel percorso che sta prendendo con il tempo una via più che giusta, felice.

Se mi avessero detto mesi fa che sarei partita per la Turchia per un progetto così bello non ci avrei mica creduto.

Ed invece sembra che i sogni alla fine si possano davvero realizzare.

Questo è uno di quelli.

Istanbul mi hai fatto crescere, come viaggiatrice, come persona.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giada Pappalardo (@giadapappalardo) in data:

Istanbul, la mia prima volta in Turchia.

Si perchè il progetto a cui ho preso parte fa parte di #WidenYourWorld della famosa compagnia Turkish Airlines, il mio primo progetto con una compagnia aerea.

Un viaggio pieno di sorprese e scoperte.

Ed una delle più belle è stato il viaggio di ritorno all’alba, un alba che mi ha regalato emozioni e colori unici.
Uno dei cieli più belli che io abbia mai visto dal finestrino di un aereo.

Il mio viaggio ad Istanbul non poteva terminare in modo migliore.

Ma adesso torniamo all’inizio, al racconto di questa fantastica avventura.

Istanbul con Turkish Airlines: la compagnia aerea più figa che esista.

Viaggiare con Turkish Airlines è stato strepitoso, vi assicuro che è davvero una delle compagnie più fighe del mondo.

Viaggiando in business class (la mia prima volta tra l’altro in business) ho goduto di privilegi notevoli: dalla vip luonge in aeroporto, alla cena in aereo, e a tutti quei piccoli dettagli che hanno reso il mio viaggio uno dei più comodi e rilassanti di sempre.

Un viaggio davvero ‘di lusso’ quel lusso che ti permette di rilassarti e coccolarti e prenderti cura di te stessa.

Un film a bordo, caffè turco, ed il volo passa subito e dolcemente.

Neanche me ne accorgo e sono atterrata in Turchia.

 

 

La mia prima volta ad Istanbul: cosa mi ha stupito.

Istanbul è di certo una città molto particolare, una città che inevitabilmente nel bene o nel male ti muove l’anima.
Ti stupisce per la maggior parte di volte, per i suoi contrasti tra moderno e antico, per il suo mescolarsi di culture, religioni e pensieri.

Ti stupisce per il caos, il traffico, ( pensate che Istanbul è infatti la città più popolata d’Europa con ben 15 milioni di abitanti) , il mescolarsi di gente e di suoni, tra canti sacri e donne in minigonna che passeggiano per strada, instanbul ti lascia di stucco.

Istanbul ti mette anche allegria, l’allegria del popolo, un popolo gentile e accogliente, che mi ricorda molto il mio amato Sud. Ed è come sentirsi un pò a casa.

Un popolo che cerca sempre di strapparti un sorriso, e la maggior parte delle volte ci riesce.

Tante sono le esperienze da fare a Istanbul, molti sono i luoghi da visitare, purtroppo durante il nostro mini tour di tre giorni non abbiamo avuto il tempo di visitare tutto, ma sicuramente abbiamo avuto un bell’assaggio di Istanbul.

E queste sono le mie prime impressioni, questi sono i luoghi visitati ed i posti che più mi hanno colpito.

Istanbul mi sa proprio che dobbiamo rivederci presto, ed intanto vi porto nel mio mondo sognante, spero che questo racconto susciti in voi qualche emozione.

Se non avete ancora visitato questa città vi consiglio di iniziare a pensarci.

Parola di eterna sognatrice.

Buona lettura!

Giro in battello sul Bosforo:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giada Pappalardo (@giadapappalardo) in data:

Assolutamente da fare ad Istanbul è il giro in battello sul Bosforo, il simbolo della città che divide in due parti segnando il confine meridionale tra continente europeo ed asiatico, e che inoltre unisce il Mar Nero e il mar di Marmara, un esempio di come l’oriente in questo paese si mischi con l’occidente, quei contrasti di cui vi parlavo.

Sulla sponda europea, attorno al cosiddetto Corno d’Oro, si è sviluppata proprio la città Istanbul, l’antica Costantinopoli, che durante il medioevo fu tra le più popolose città europee proprio perchè il Bosforo possedeva una notevole importanza commerciale e strategica.

La storia che ha visto nascere e svilupparsi questa città inevitabilmente non può che affascinare i suoi visitatori.

I traghetti partono da Eminönü  ed è meraviglioso poter ammirare la terra che si divide in due mondi: da un lato l’Europa, dall’altro l’Asia.

L’unico posto al mondo in cui due continenti convivono in una stessa città.

Gran Bazar Istanbul

Uno dei luoghi che sicuramente mi ha colpito particolarmente di Istanbul è il Grand Bazar.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Uno dei luoghi che sicuramente mi ha colpito particolarmente di Istanbul è il Grand Bazaar. Un tripudio di colori, odori e di oggetti che hanno totalmente rubato il mio cuore! Ve ne faccio vedere alcuni sulle stories, correte a vedere! Queste lampade poi non sono meravigliose? @turkishairlines ❤️ #tkMoments #widenyourworld Dress @mint_freshfashionideas ✨💛 📸 @ruberry 💛 #viaggioinunsogno 🎈 #tkmoments #widenyourworld #turkishairlines #istanbul • • • • • • #lifewelltravelled #beautifulmatters #neverstopexploring #huffingtonpost #stayandwander #travelphotography #womantraveler #doyoutravel #chasinglight #womantraveler #ladiesgoneglobal #dametraveller #explorerbabes #traveldreamseekers #fblogger #styleblogger #alphalovers #homeof #pinktrotters #blondesandcookies andcookies #darlingescapes #sheisnotlost #welivetoexplore #shewhowanders #intravelist #thewanderingtourist

Un post condiviso da Giada Pappalardo (@giadapappalardo) in data:

30.000 metri quadrati cui afferiscono più di 60 strade, con 17 porte d’accesso e 4000 negozi

Oltre 200mila metri quadrati di negozi e un  tripudio di colori, profumi ed oggetti che hanno totalmente rubato il mio cuore!

Gioielli, stoffe e ceramiche da far girare la testa ad una come me che ama queste cose.
Queste lampade poi non sono meravigliose?

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giada Pappalardo (@giadapappalardo) in data:

Sono sparse per tutto il Bazar e rendono questo luogo magico, uno dei più fotografati ad Istanbul.

Moschea di Solimano il Magnifico

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giada Pappalardo (@giadapappalardo) in data:

Mettere piede in una moschea.
Era una di quelle cose che sognavo da tempo, ma che non credevo si sarebbe realizzata in cosí breve tempo.

Ed invece eccomi qui, la vita mi ha riservato anche questa possibilità unica.Il mio primo incontro con l’Oriente è stato proprio come me lo aspettavo: insolito, emozionante, e mi ha turbato.
Nel senso positivo eh, mi ha messo in testa altri mille pensieri ed altri mille sogni su queste terre.
Mi ha messo sete di conoscenza.

Conoscenza di luoghi come questi, lontani dai miei soliti viaggi occidentali.
La Moschea di Solimano è stato un tassello, un tassello di quel grande puzzle di cui sono fatti i miei sogni più nascosti.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giada Pappalardo (@giadapappalardo) in data:

Una delle più belle Moschee di Istanbul, forse la più bella, dicono forse lo sia più della Moschea Blu che, purtroppo, non siamo riusciti a visitare per via della ristrutturazione.

Credo fermamente che questo sia un segno, un segno che per questo motivo, come per altri, io debba tornare a visitare questa città.

La vista sulla città dalla Moschea è spettacolare.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giada Pappalardo (@giadapappalardo) in data:

La bellezza sta nella semplicità.
La semplicità di vita, di aspettativa.
Le cose semplici sono le piú meravigliose.
Le grandi cose che ci succedono sono in realtà semplicemente naturali, e alla fine fanno semplicemente parte della vita, ed attraggono le persone semplici.
Semplicità, io vedo tutto il senso della vita in questa parola.
Sono semplicemente felice di vivere questa strana folle ed inaspettata vita…

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giada Pappalardo (@giadapappalardo) in data:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giada Pappalardo (@giadapappalardo) in data:

Il quartiere di Balat:

Per capire Istanbul bisogna viverla, e come vivere al meglio una città se non scoprendone i quartieri più storici?

Il quartiere di Balat ad Istanbul è uno dei quartieri piú ricchi di storia e cultura.
Forse tra i piú caratteristici insieme a Fatih e Fener. Balat è Istanbul allo stato puro.

Patrimonio dell’Unesco, Balat è lo storico quartiere ebraico, distrutto dal terremoto del 1894 che poi ha visto spostare la maggior parte della sua popolazione nel quartier di Galata.

Balat è contrasto tra bellezze architettoniche ed angoli in degrado, contrasto che dona al quartiere un fascino indubbiamente unico.

Balat, è tra l’altro nel punto perfetto per ammirare lo splendido panorama del Corno d’Oro.
Io sono rimasta particolarmente affascinata dalle strade, dai coloratissimi caffè dalla gente del luogo che gira per le strade felice e spensierata, e dagli adorabili gattini sparsi ovunque.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giada Pappalardo (@giadapappalardo) in data:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giada Pappalardo (@giadapappalardo) in data:

A Balat  abbiamo pranzato da Perispri un locale storico che ho adorato.
Abbiamo mangiato benissimo e devo dire che il cibo è molto simile al nostro del Sud.
Balat è istanbul. Ed è assolutamente da visitare💛

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giada Pappalardo (@giadapappalardo) in data:

Basilica di Santa Sofia: Hagia Sofia

Luce, magia, mistero. Secoli e religioni che di son susseguite.
Marmo, oro, mosaici bizantini.
Il Calore che ti avvolge.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giada Pappalardo (@giadapappalardo) in data:

Santa Sofia, è il simbolo piú evidente del contrasto che caratterizza Istanbul.

Tra chiesa e moschea ci si perde totalmente in questo luogo divino.
Un vero e proprio gioiello, Santa Sofia  ‘divina sapienza di Dio’ è tra le basiliche piú famose al mondo e tra le piú antiche chiese mai costruite.
SantaSofia vanta secoli e secoli di storia.

Dalle origini di Istanbul, fondata dai greci che le diedero il nome di Bisanzio, ribattezzata poi Costantinopoli, e proprio Costantino ordinó di costruire questa meraviglia nel 300.
La basilica ha vissuto il susseguirsi di una storia incredibile, da Costantino a Giustiniano, e
da chiesa fu trasformata in Moschea nel 1500 e lo rimase per 500 anni.
Oggi è un museo, ed un vero e proprio esempio di perfezione architettonica unica al mondo.

Immense cupole, mosaici dorati e decorazioni  che hanno ispirato quelle della Basilica di San Marco a Venezia, fanno di questo edificio voluto da Giustiniano, uno dei più grandiosi esempi d’arte bizantina di tutti i tempi.

Sono davvero grata di aver potuto visitare questo luogo incredibile.
L’emozione che si prova in un luogo del genere non puó essere spiegato.
Bisogna viverla.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giada Pappalardo (@giadapappalardo) in data:

Bazar Egiziano: il mercato delle spezie

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giada Pappalardo (@giadapappalardo) in data:

La mia idea di Istanbul:
Perdermi tra i colori ed i sapori dei mercati.
Il famoso mercato delle spezie noto anche come bazar egiziano, ha concretizzato questa mia idea di Oriente.
Adoro le spezie, i dolciumi, la frutta secca, ed i tè che vendono qui.
Ne ho portati a casa un bel pó, impossibile resistere.

Adoro andare in giro per i mercati tipici e fare shopping locale, cerco sempre durante un viaggio di ritagliare un momento per visitare i mercati, penso sia il modo migliore di percepire l’essenza di un popolo.

 

Misir Carsisi è il Bazar delle spezie più famoso di istanbul. Inaugurato nel 1663 è il luogo perfetto per avvicinarsi davvero alla cultura del posto. A pochi passi dal Ponte di Galata e dalla famosa Moschea Blu.

Il caffè turco: da capire, ma almeno da assaggiare.

Il caffè turco è molto strano, non piace a tutti, sicuramente è particolare e molto diverso dal nostro.

Ha un gusto molto forte, non viene macinato tutto il caffè ed è abbastanza lungo e corposo.
Ma quando mi trovo in un paese straniero a contatto con una nuova cultura, adoro praticare i riti del luogo,.

Il caffè viene servito in queste adorabili tazzine, ed io me ne sono innamorata, come delle ciotole e dei piatti.

Uno stile che personalmente amo da morire.

Un vero viaggiatore testa le usanze, le tradizioni e le particolarità di un luogo, non si lamenta, ma esprime un parere.
Un viaggiatore osa.
E non si pone limiti.

È difficile lo so, ma è quello che cerco di fare ogni giorno, e con il tempo sto lavorando sulla mia persona, cercando di essere meno schizzinosa e buttarmi nell’ignoto.
L’esempio del caffè turco è banale ma rende l’idea.

Anche se sono una grande fan del caffè italiano ho voluto provarlo, non mi è piaciuto molto all’inizio, ma ho voluto comunque prenderlo a fine di ogni pasto.
Ho voluto osare, con poco, e quello che mi prometto di fare è osare di più nel viaggio come nella vita.

 

Quartiere di Galata: l’anima cool di Istanbul.

Negozi, ristoranti, botteghe, showroom.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giada Pappalardo (@giadapappalardo) in data:


Galata è assolutamente da vedere. Un tassello importantissimo di questa città.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giada Pappalardo (@giadapappalardo) in data:

 

 

La bella torre di Galata rappresenta il famoso quartiere di Galata, il più mondano e occidentalizzato.

Coloratissimo assomiglia ad una San Francisco per le vie ripide ed i palazzi super colorati.

I tram che passano sono diventati simbolo del quartiere ed è impossibile non immortararli.

Ma come è nato questo quartiere che ha come simbola questa maestosa torre?

Al centro dell’antico quartiere europeo di Beyoglu la torrefu costruita nel 1348 dai coloni genovesi di Costantinopoli ( da qui il nome quartiere genovese) allo scopo di avvistare eventuali presenze nemiche e organizzare per tempo la difesa del quartiere. Alta 66 metri nei secoli ha subito diversi rimaneggiamenti.

 

 

Il quartiere di Galata, il quartiere genovese, è proprio l’Istanbul che non ti aspetti, molto simile ai centri storici delle più famose  città europee, è la città occidentalizzata e multietnica.

L’Istanbul moderna, cool, ricca di negozi alla moda e non convenzionali, botteghe di moda, gioielli ed arte.

Ippodromo di Costantinopoli:

Altro luogo da visitare assolutamente ad Istanbul è l’ippodromo: questo ha avuto un’importanza rilevante sin dai tempi di Bisanzio, grazie alle sue dimensioni: 400 m di lunghezza e 120 di larghezza, secondo solo al Circo Massimo di Roma.

In piazza Sulthanahmet dove sorgeva l’ippodromo, adiacente alla Moschea Blu si trova anche la Fontana tedesca, una delle testimonianze dell’alleanza, iniziata nel 19esimo secolo, tra la Germania e l’Impero Ottomano.

 

Mangiare ad Istanbul:

Istanbul è sicuramente cibo di strada, e tra i più buoni in Europa, ma anche i ristorantini ed i locali hanno il loro perchè.

Il cibo in turchia è proprio come me lo immaginavo, molto simile a quello del sud italia.

Unica differenza è molto speziato, ma io adoro mangiare speziato, quindi mi sono trovata benissimo.

Buonissime le verdure, la carne, il pollo e le patate.

Pranzare al Distretto di Karakoy

Un luogo assolutamente da visitare sopratutto a pranzo è il distretto Karakoy, il quartiere medievale di Galata, un susseguirsi di viuzze colorate e piene di ristoranti e locali

 

 

Ecco una lista di alcuni locali he abbiamo provato a pranzo e cena e mi sono piaciuti tantissimo, quindi prendete appunti!

Perispri

MSA’nın Restorant

Freya Akaretler 

(sopratutto per una serata)

Ritz Carlton Hotel Istanbul: un soggiorno da re.

Ma se la maggior parte dei viaggi sono dei veri e propri sogni che si realizzano, un soggiorno da sogno non è da tutti.

Qui posso dirlo: il mio soggiorno ad Istanbul è stato un vero e proprio sogno ad occhi aperti.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giada Pappalardo (@giadapappalardo) in data:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giada Pappalardo (@giadapappalardo) in data:

Ecco il meraviglioso hotel che ci ha ospitato durante il nostro tour #WidenYourWorld per Istanbul con Turkish Airlines, il Ritz Carlton 

Camera con vista sul Bosforo, arredamento incredibilmente orientale, colazione genuina e golosa, interni da sogno.

Un soggiorno da veri re, in un lusso non troppo eccessivo, e dai comfort inimitabili del Ritz.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giada Pappalardo (@giadapappalardo) in data:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giada Pappalardo (@giadapappalardo) in data:

 

 

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giada Pappalardo (@giadapappalardo) in data:

Passeggiata notturna sul Bosforo:

Ultimo consiglio che vi do è prendervi del tempo anche la notte ed esplorare la città.

Se volete restare incantati dalla magia di Istanbul, frenetica il giorno, calma la notte, vi consiglio di fare anche una tappa notturna qui.

La vista è incredibile, sembra quasi di essere in America, non in Turchia.

I ponti che collegano oriente con occidente creano un’atmosfera incredibile.

Il Ponte di Galata , è uno dei tre ponti che collegano la città (gli altri due sono il Ponte Ataturk e il Ponte di Halis) ed attraversano il Corno d’Oro collegando la città ottomana con quella europea.

Io sto continuando a sognare…e voi?

Arrivederci Istanbul!

Sei stata incredibilmente unica.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giada Pappalardo (@giadapappalardo) in data:

Ti piace viaggiare in Europa?

Leggi anche i miei consigli su Amsterdam

Alla prossima avventura per il mondo.

Giada.

 

    1 COMMENT

  • Wilford 3 Marzo 2019 Reply

    I discovered your website from Google and also I have
    to claim it was a fantastic locate. Many thanks!

what do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Instagram

  • Purezza💛
By @mighthor1 
#umbria #cascatedellemarmore #marmore #italiabella  #terni #umbriatourism #umbriagram #umbriaexperience #natura  #naturephotography #naturelovers
  • 🌎 Traveling will save you 🌎 
Listen #howtosavealife 🎶
Where did I go wrong?
I lost a friend
Somewhere along in the bitterness
And I would have stayed up with you all night
Had I known how to save a life...
#viaggioinunsogno #peru #sudamerica
  • Non quando è successo, mi sono innamorata di te. Natura meravigliosa. In Italia abbiamo dei luoghi incredibili. L’Umbria è meravigliosa, ed anche quest’anno ne ho avuto la conferma!🥰
#umbria #travelblog #italiabella #umbriaexperience #narni #sonyalpha #a7iii #cascatedellemarmore
@cascatedellemarmore
@umbriatourism @igersumbria @igumbria
  • Se non credi in te stesso, nessuno crederà mai in te🌍🦜🐍
Lavora su te stesso ogni giorno, puoi cercare di essere una versione migliore di te stesso, anche quando il giorno sembra troppo buio per risvegliarti.
Never Stop Dreaming.💫
Ricordi di un super biondo by @antonioplataniaartdirectortigi ⭐️💛
📸 @manuelavitulli 
#mistraltour #PeruilPaesePiuRicco #VisitPeru #igersperu •
•
•
#lifewelltravelled  #beautifulmatters  #womantraveler •#ladiesgoneglobal #passionpassport  #girlscreating
 #livethelittlethings #travellingthroughtheworld  #dametraveller  #collectivelycreative #sheisnotlost #comeandsee #mountainscalling  #choosemountains #adventurevisuals #alwaysgo #adventuretillwedie #travelingladies #girlswhotravel #folkgirl 
@girlaroundworld #girlaroundworld #sonyalphalovers
  • 🌿Ho bisogno pensare.🌿
Forza della natura✨💦
Scattata con @sonyalpha a7iii
#sonyalpha #bealpha #a7iii 
#umbria #cascatedellemarmore #marmore #italiabella  #terni #umbriatourism #umbriagram #umbriaexperience #natura  #naturephotography #naturelovers
  • Non sempre c’è qualcosa da dire.
O da raccontare. O forse si. 
Fa caldo. Vorre tornare qui al fresco🌳
📸 @ire.ferri 💛
@antonioplataniaartdirectortigi 💓
Ps. Sul blog  trovate l’ultmo post dedicato all’esperienza @humanvillage #antsday di qualche settimana fa🥰
  • Perchè mi segui? ✍🏻✨
You follow me because...✨
  • 🤔👩🏼‍🌾Digital Detox si o no?👩🏼‍🌾🤔
Non sono sparita, sono solamente tornata alla vita di tutti i giorni, e mi dedico a qualcosa che non sia solo digital.
Nel frattempo ci penso, a volte mi stanco proprio di questo mondo virtuale... ci sta un pó di detox o no? E Nel frattempo che ci penso non posso non farvi vedere le foto di questi luoghi bellissimi visitati negli ultimi giorni.
Umbria mi stupisci sempre!
#umbria #narni #marmore #italiabella  #terni #umbriatourism #umbriagram #umbriaexperience #italiangirl #borghipiubelliditalia
  • 💛 Viaggiare è colore💛 Ed io sto colorando la mia vita pian piano, di sogni e viaggi bellissimi ma soprattutto colorati.
Ho trovato queste foto mai pubblicate, ho pensato ritornando al discorso delle stories di proporvele. Perchè io le adoro. E mi emoziono guardandole e ripensando a quei bellissimi momenti😻
Poco Instagram molto Amore🥰
#qualitygroupviaggi #mistraltour  #PeruilPaesePiuRicco #VisitailPeru #VisitPeru 
#perúpaísmásrico #perutherichestcountry 
#madeinperu #discoveryourselfinperu  #passionpassport  #livethelittlethings #travellingthroughtheworld  #collectivelycreative  #alwaysgo #welivetotravel  #sudamerica #perú #travelblogger #imatraveler #travelaway #neverstopexploring
#wanderlust #exploringtheglobe #viaggiavventurenelmondo #siviaggia  #americalatina #igersperu
  • 💛Un giorno a Firenze💛 #italiabella 🥰
Scattata con @sonyalpha a7iii
#sonyalpha #bealpha #a7iii
  • 🌸Beautiful Umbria🌸 Exploring Mood 🔛🕵🏻‍♀️
Sono tornata da pochi giorni come ogni anno nella bellissima Umbria, terra dalle meraviglie medievali, dal verde vivido e dal cibo ( e vino )buonissimo!🍷
Adoro questi luoghi antichi e ricchi di energie!
Sulle stories vi faccio scoprire due chicche di questa parte di regione: le meravigliose cascate delle Marmore e la medievale Narni!
E voi ci siete mai stati?
Vi piace l’Umbria?
#umbria #narni #marmore #cascatedellemarmore #terni #umbriatourism #umbriagram #umbriaexperience
  • 💪🏻 Il limite piú grande siamo noi stessi💪🏻
Come avrete visto lo scorso weekend mi sono immersa nella natura toscana e nel buon cibo.🌳🍷
Ma durante quest’esperienza nel Valdarno a Norcenni Girasole con @humanvillage ho fatto ed imparato molto di piú.
Ho allenato il mio corpo ma sopratutto la mia mente ad essere flessibile tramite semplici stimoli,essenziali per il mio benessere.
Ho allenato la mia neuroplasticitá grazie ad @_antslife_  un percorso innovativo che si puó intraprendere per una giornata o piú in base alle vostre esigenze durante il vostro weekend di vacanza.
Come? In parole povere io non sono abituata a mettermi a testa in giú o stare in equilibrio, nè tanto meno arrampicarmi come una scimmia🙊
Non passeggio nella natura appena sveglia e non mi nutro proprio correttamente.
Ho intrapreso esercizi ed anche attività come il beach volley e la bici che non sono solita a fare.
Sono stata un pó un disastro lo ammetto ma tutto questo mi è servito a capire, ad inviare nuovi stimoli al mio cervello, a scoprire questo ed altro sui miei sensi!
Pensate che durante il pranzo bendati ( dove non ho riconosciuto ingredienti familiari ed ho addirittura mangiato il salmone per la prima volta 🤣) ho percepito sensazioni gustative mai provate.
A fine esperienza con il test a AntsLab ho misurato i miei risultati. Non eccezionali ovviamente.
Ma non mi demoralizzo perchè l’invecchiamento neuroplastico non è irreversibile, anzi, se ci sforzassimo a compiere gesti diversi ogni giorno, anche semplicemente camminare scalzi,potremmo combatterlo ed affrontare meglio gli imprevisti della vita.
Ve ne parleró meglio sul blog!
Intanto vi dico che ANTS è stata una cosa eccezionale!
#norcennigirasole #humancompany *AD
Grazie @lasottilelinearosa per le foto💓 
#outdoortour

Seguimi!